News

SLAM FC 7 “NEMESIS”: TONY ZANKO E’ OUT, E’ ROTTURA TOTALE CON SLAM FC!

By 05.10.2014 No Comments

Tony Zanko non combatterà a Slam Fighting Championship 7 “Nemesis”. Questa è la decisione che Zanko ha preso a seguito dell’offerta dell’organizzazione di diventare il contender di Alen Amedovski per il titolo della middleweight division di Slam FC il prossimo 5 gennaio 2015 al Obi Hall di Firenze nell’evento “Nemesis”. La motivazione ufficiale è la decisione di appoggiare la posizione di Luca Della Rosa e dello staff della Xtreme Fight Club di Firenze, rispettivamente coach e team di Zanko, che non intendono partecipare a nessuna forma di attività che faccia in qualsiasi modo riferimento a Marco Santi, presidente sia di Dog Eat Dog che di Slam FC. “Io amo Slam, anche l’atmosfera e lo stile promozionale, mi dispiace molto ma non combatterò. Dopo quello che è successo le porte d’accesso a Slam sono tutte ormai chiuse. Mi sarebbe piaciuto molto combattere contro Amedovski, ringrazio l’organizzazione di aver pensato a me ma questa è la mia decisione”. La motivazione che sta dietro questa decisione fa capo ad un commento di Marco Santi, su Facebook, riguardante le qualità e le capacità tecniche di Luca Della Rosa e di tutto lo staff del Xtreme Fight Club, a questo commento ha fatto seguito un’azione legale nei confronti di Marco Santi per minaccia e ingiuria. Manca l’ufficialità ma il nuovo contender sarà con tutta probabilità Carlo “Caterpillar” Milani, ad annunciarlo insieme ad alcune considerazioni su la storia Zanko, Marco Santi: “Mi dispiace che Zanko non combatta, la nostra offerta era ottima, lui comunque l’ha capito e mi fa piacere. Ciò nonostante Caterpillar (Carlo Milani ndr) ha un record migliore di Zanko e per questo match scenderà nella -84 dalla -93, sarà nitroglicerina pura. Caterpillar voleva a tutti i costi prendere il match ma io ho preferito offrirlo prima a Zanko, sarebbe stata un’occasione importante per lui ed è un’evidente dimostrazione di stima nei suoi confronti da parte di tutto Slam FC. Riguardo la politica nei miei confronti e nei confronti di Slam FC da parte di Luca Della Rosa e del team Xtreme Fight Club penso che decisioni del genere per avere un senso ed avere successo debbano essere prese per avere dei vantaggi personali oppure in alternativa per danneggiare qualcuno, da questa scelta loro non hanno vantaggio, né per loro né per l’atleta, di certo non danneggiano me né tantomeno Slam FC che invece ha un fighter più forte in fight card. L’unico ad uscirne danneggiato è Zanko, è curioso che la scelta possa essere sua. Invece riguardo la denuncia nei miei confronti per ingiuria e minaccia posso dire che da un lato (minaccia) mi rende molto orgoglioso perché sono riuscito a terrorizzare con un solo commento su Facebook un gruppo di istruttori, maestri e fighters che insieme raggiungono un livello complessivo di almeno 30 cinture nere di più arti marziali differenti, è una dimostrazione immensa di stima nei miei confronti dato che, d’altronde, combattere è il mio lavoro; Dall’altro (ingiuria) non credo ci sarà alcun problema a dimostrare la mia innocenza poiché sono accusato di aver dato, scritto nero su bianco, del totalmente incompetente ad un allenatore in particolare (Luca Della Rosa ndr) ed ad un team in generale (Xtreme Fight Club ndr) che si pubblicizzava vantandosi di insegnare MMA a Firenze dal 1991, ossia addirittura da due anni prima della nascita del UFC e delle MMA stesse. Quindi non ho fatto altro che dire la verità, niente più. Il mio avvocato Felice Vaccaro si occuperà di queste quisquiglie e pinzillacchere appena avrà portato a termine impegni ben più importanti quali andare in Kamchatka e umiliare il proprio record personale con un king salmon di oltre 30kg. Questo è Slam! Questo è spettacolo!”

Leave a Reply