News

SLAMFC 5: CHE SPETTACOLO !

By 02.05.2013 No Comments

Che spettacolo! Più di 1000 spettatori live, più di 2000 spettatori online da tutto il mondo, 9 incontri di MMA eccezionali e 1 un match che ha rischiato di andare completamente fuori controllo e fuori da ogni regola delle Mixed Martial Arts e dello sport soprattutto. “Stavolta è personale” vi avevamo avvertito e così è stato, è stato uno spettacolo forte, uno spettacolo duro ma è stato uno spettacolo unico. Cerilli e Minonzio non hanno deluso le aspettative e si sono picchiati selvaggiamente per tre round senza esclusione di colpi, Popa ha surclassato tecnicamente Ambrosini con uno splendido armlock, Ruotolo ha dato una lezione di Grappling a Nanosetti finalizzandolo ma anche Cappelli, Salvatore, Berti, Zanko, Santini, Terguy hanno fatto il loro spettacolo a suon di KO o Submission. Il Pathos è cresciuto così tanto che ha preso il sopravvento nel match Rettori vs El Byari e ha trasformato un evento di MMA in qualcosa di più, una sfida fra gladiatori si, ma con regole di mille anni fa. Tutto è finito in un No Contest, purtroppo, maturato dopo una serie di azioni scorrette degli atleti che poi hanno coinvolto i rispettivi angoli, il pubblico e addirittura Marco Santi, organizzatore dell’evento. E proprio Marco Santi abbiamo voluto incontrare per riuscire meglio a capire cosa è successo e da cosa tutto ciò sia maturato.

Che ci dici di questa edizione di SlamFC? “SlamFC 5 è stato un evento incredibile, oltre tutte le aspettative sia di pubblico che di spettacolo, in moltissimi mi hanno detto che è stato il più bell’evento di MMA mai visto in Italia.”

Sicuramente! Almeno fino al Co-Main Event. Cosa ne pensi?! “La colpa è nostra, intendo dire dell’organizzazione di SlamFC. Abbiamo costruito un match incredibile e attesissimo, lo abbiamo caricato ancora di più attraverso la nostra promotion. Semplicemente non siamo riusciti a controllarlo. La colpa non è degli atleti, né del loro staff, né degli arbitri, semplicemente serviva un servizio di sicurezza adeguato ad un match e un evento del genere. Purtroppo abbiamo peccato in esperienza, abbiamo curato tantissimo il match making senza pensare a possibili conseguenze. Ma tutto per fortuna è finito nel migliore dei modi, a fine incontro tifosi, atleti, staff e organizzazione si sono chiariti in serenità e tutto è finito in una bolla di sapone. Il Pathos è andato per un attimo fuori controllo poi tutto è tornato al suo posto.”

Sei intervenuto tu stesso all’interno della gabbia per dividere Rettori da El Byari e l’hai fatto diciamo in modo estremamente energico, quasi violento. Puoi dirci cosa ti è passato per la testa?  “Semplicemente ho fatto quello che andava fatto, la sicurezza era impegnata a contenere il pubblico e l’arbitro non riusciva più a gestire i due atleti che continuavano ad colpirsi senza fermarsi. Sono intervenuto immediatamente, ho avuto un ruolo che sicuramente non mi spettava in quanto organizzatore ma che comunque era indispensabile per la sicurezza di tutti. Sono entrato e ho afferrato El Byari immobilizzandolo a terra mentre l’ arbitro teneva Rettori.”

Hai anche colpito El Byari mentre era a terra? Perché? “Semplicemente mi sono lasciato trasportare dalle emozioni, per fortuna mi sono accorto subito di cosa stavo facendo e ho ritratto la mano colpendo El Byari senza fargli assolutamente male. Ero intervenuto prima ad allontanare il pubblico che stava cercando di salire sulla gabbia, poi ho mediato una lite tra il coach di Rettori e quello di El Byari infine quando ho visto El Byari colpire l’arbitro, che teneva Rettori, con un superman punch non c’ho visto più visto e sono intervenuto. Ho esagerato forse ma ho anche sedato la rissa evitando danni più gravi, se non fossi intervenuto tutto sarebbe andato molto peggio. Mi sono chiarito immediatamente con Jaouad e ci siamo fatti una risata insieme, tutto è finito nel migliore dei modi. Sono felice di quello che ho fatto, tornassi indietro interverrei nuovamente, cambierei solo il modo. In una frazione di secondo con la tensione alle stelle non sono riuscito a rimanere completamente freddo. Comunque non mi sembra ci sia troppo scandalo in quello che è successo, questi fatti succedono e succederanno sempre in tutte le migliori famiglie, sono successe in UFC, Pride, Strikeforce etc, adesso si può dire che fra queste c’è anche SlamFC.”

Puoi spiegarci come mai è scoppiato questa lite tra Rettori e El Byari? “Per quanto sono riuscito a scoprire sembrerebbe che ci fossero degli accordi privati tra Rettori e El Byari affinchè il match si svolgesse tutto in piedi. Alla prima scorrettezza di El Byari che ha calciato in faccia a Rettori mentre questo era a terra questi accordi sono saltati. Una volta saltati gli accordi i due atleti hanno smesso di rispettare anche le regole base delle MMA nonché dello sport e quello che rischiava di saltare era l’Obi Hall stesso! In molti adesso si mettono a fare i perbenisti, i politicamente corretti  e i puristi dello sport lamentandosi di quello che è successo ma avrei voluto vederli risolvere una situazione del genere. Ho ottenuto il mio scopo e ne sono felice, sono machiavellico..per me il fine giustifica i mezzi.”

E adesso che cosa succederà?  “Adesso è giusto pagare le conseguenze per mandare un messaggio al mondo dello sport, per dire che anche se è successo non dovrà succedere più. La FIGMMA che patrocinava l’evento prenderà provvedimenti nei confronti di chi ha sbagliato e applicherà delle squalifiche, me compreso probabilmente. Personalmente spero che questa possibile squalifica non riguardi né i coach né gli atleti, la colpa di tutto questo evento è della poca esperienza dell’organizzazione. Con un servizio di sicurezza adeguato   il match sarebbe arrivato alla conclusione, ne sono sicuro.”

E poi? “E poi ovviamente SlamFC 6 e Rettori vs El Byari II! Vi avevamo detto che era personale, adesso lo è ancora di più!Vi avevamo detto che sarebbe stato spettacolare, adesso lo sarà ancora di più”

Leave a Reply